News

Calo emissioni in Europa: una vittoria a metà

Page image
Data di pubblicazione 13 novembre 2015

Nei giorni scorsi è arrivato un dato importante dall’Agenzia Europea per l’Ambiente (Eea): l’UE è in traiettoria per raggiungere e superare il target al 2020 sulle emissioni, anche se per quelli al 2030 e al 2050 sarà necessario un cambiamento radicale delle modalità di produzione e utilizzo dell’energia.

Dalla relazione “Trends and projections in Europe 2015” emerge infatti che le emissioni di gas-serra sono diminuite del 23% nel periodo 1990-2014 e si apprestano a raggiungere al 2020 quota -24% che diventa -25% con le misure aggiuntive previste dai Stati membri.

EEA_EU-greenhouse-gas-emission-trends-projections-and-reduction-targets-1024x644

 

“Si tratta di un segnale forte in vista della conferenza di Parigi sul clima a riprova del fatto che l’Europa rispetta i propri impegni e che le nostre politiche in materia di energia e clima stanno dando i loro frutti”, ha commentato il commissario Ue all’Energia e al Clima, Miguel Arias Cañete.

Un dato falsato?

Dati e affermazioni che però andrebbero messi in prospettiva: l’Europa ha buone prestazioni in termini di emissioni anche perché in gran parte le “delocalizza”. Ad esempio, si possono considerare i dati MiSE su come si sono ridotti i consumi di energia in Italia e di come è migliorata l’intensità energetica, cioè il rapporto tra Pil e fabbisogno energetico, che nel nostro Paese è sceso di quasi 9 punti percentuali dal 2010 al 2014. Se l’efficienza energetica ha i suoi meriti in questi risultati,  ha un notevole ruolo anche il cambiamento strutturale della nostra economia, che negli ultimi decenni ha visto parte della produzione industriale spostarsi all’estero, spesso nei Paesi emergenti.

Insomma, quel calo del 23% delle emissioni europee certificato nel nuovo report Eea andrebbe confrontato con l’andamento delle importazioni, per quantificare la CO2 che è dovuta ai nostri consumi, anche quando l’anidride carbonica causata dai prodotti che compriamo finisce in atmosfera nei Paesi da cui li importiamo.

Emissioni “consumate” nei paesi ricchi, ma prodotte soprattutto in quelli emergenti con un’economia basata sull’export, come la Cina: un quarto delle sue emissioni viene dalla produzione di merci destinate all’estero. Secondo uno studio di qualche anno fa della Carnegie Institution for Science oltre un terzo delle emissioni legate al consumo di beni e servizi nei paesi ricchi avviene al di fuori dei loro confini. Alcune nazioni come la Svizzera “delocalizzano” più della metà della CO2. Un “outsourcing” di dimensioni tali da non poter essere ignorato quando si pensa alla strategia mondiale per rallentare il global warming.

 

Fonte: behindenergy.com

 

Altre news

Il progetto europeo Trust EPC South vara un nuovo strumen...

Trust EPC South annuncia la disponibilità di un nuovo strumento di benchmarking e risk assessment che consente una valutazione accurata della profi...

Efficienza energetica, un mercato da 221 miliardi di dollari

Lo scorso 10 ottobre al 23° World energy congress di Istanbul, in Turchia, l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) ha presentato l’...

Riqualificazione energetica degli edifici. L’ecobonus anc...

Il Consiglio dei Ministri lo scorso 15 ottobre ha approvato una prima bozza della Legge di Stabilità 2017 che contiene degli interessanti provvedim...

GREEN BOND: IL VALORE DELLA SOSTENIBILITÀ

Il Green Bond, strumento finanziario che lega l’emissione di un’obbligazione ad un investimento vantaggioso per l’ambiente, è com...

Energy Performance Contracting per le imprese – Rom...

Martedì 19 Luglio 2016, si svolgerà presso la Sala Auditorium del GSE, a Roma, in Viale Maresciallo Pilsudski, 92, il workshop di Federesco e Ambie...

A Torino e Cuneo arrivano i primi hotel a “zero emi...

Il progetto “Zero Energy Hotels” (ZEH) co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Intelligent Energy Europe, ha l’obie...